Avvia Shadow PC in Browser

Il mio Shadow Drive

Il mio account

IA: Creazione di contenuti e cloud, matrimonio perfetto?

La potenza delle attuali GPU consente alle macchine nel cloud di offrire una flessibilità senza precedenti per il lavoro collaborativo, oltre a una garanzia preziosa: la protezione della proprietà intellettuale.

L'IA generativa è già una forza sismica in molte industrie, sta diventando parte della vita quotidiana in strumenti come Microsoft CoPilot e dei flussi di lavoro creativi. Il problema è che il controllo che abbiamo su queste IA va da minimo, per quanto riguarda le impostazioni, a inesistente, quando si tratta di sapere cosa viene fatto con i nostri dati. Questa incertezza sul trattamento dei dati nelle applicazioni creative è una delle principali preoccupazioni per i professionisti.

Nino Le Chenadec, regista e direttore artistico, è uno degli artigiani della creazione assistita dall'IA, e ha prodotto recentemente un video musicale per il famoso gruppo Magma con l'IA. Ben lungi dall'accettare di lavorare con sistemi opachi, ha deciso di prendere il controllo delle IA. “La maggior parte degli 'artisti IA' sono in realtà appassionati di prompt raffinati per MidJourney. Ma siamo seri: mi rifiuto di utilizzare canali Discord senza garanzie sulla proprietà intellettuale dei miei clienti. Utilizzando questi sistemi, facciamo lavorare le macchine e le IA degli altri per gli altri. A differenza di MidJourney, lavoriamo su server locali, rendendo impossibili le perdite di dati. Inoltre, MidJourney utilizza le immagini generate dagli utenti per alimentare il proprio database. È molto importante per i nostri collaboratori mantenere il totale controllo sui loro dati."

Per questo professionista che lavora con grandi marchi di lusso, è impossibile lasciare che un sistema terzo gestisca i packshot dei prodotti in arrivo e rischi fughe di informazioni. Tuttavia, ha ancora bisogno di un PC ultra-performante. “Nel mio setup, il nostro flusso di lavoro è al 100% Mac, come per molti creativi. Ma per quanto performanti siano le ultime macchine Apple, per l'IA, ciò che serve è un PC con una scheda grafica Nvidia di alta gamma che supporti CUDA,” spiega.

Lavorando nella produzione video, instintivamente si potrebbe immaginare l'acquisto o il noleggio di una macchina potente. Entrambi gli scenari sono direttamente scartati da Nino Le Chenadec: “Il noleggio è molto costoso, troppo costoso! Per Magma, avevamo previsto cinque mesi di post-produzione, per cui le aziende di noleggio ci avrebbero addebitato 15.000 euro. Quanto all'acquisto, dato che il mio team è disperso e tutti abbiamo bisogno a turno di una super macchina, non sarebbe pratico,” spiega il professionista. Ha trovato gli strumenti perfetti nelle soluzioni Shadow, combinando potenza, flessibilità e sicurezza.

I (Numerosi) Vantaggi delle Macchine nel Cloud

Per il lavoro del suo team, Nino Le Chenadec noleggia permanentemente due configurazioni di PC Shadow. “Abbiamo un Shadow PC Power dall'offerta gaming che usiamo per il prototipaggio. E una macchina Expert dall'offerta Enterprise che è il nostro PC di produzione,” spiega.

Questi due PC con GPU Nvidia gli permettono di eseguire localmente le sue IA: “Lavoro con sviluppatori che creano chiamate API in Python. Il mio team e io utilizziamo versioni locali di Stable Diffusion, checkpoint rieducati sui nostri modelli e LoRA, piccoli modelli altamente personalizzati e personalizzabili. Voglio essere al comando della produzione delle immagini.” Controlla la scelta dei LoRA, i prompt e l'uso delle immagini. “I contenuti dei miei clienti non lasciano mai le nostre macchine Shadow PC. Nessuna IA generativa su server remoto li utilizza, quindi non c'è rischio di perdite o furti di proprietà intellettuale."

Queste precauzioni sono tanto più necessarie poiché il processo di produzione genera numerose iterazioni per soddisfare le esigenze di qualità dei suoi clienti. “Può essere necessario generare fino a 1.000 immagini per consegnarne 50,” assicura il creativo. “E poiché lavoriamo in squadra, possiamo condividere la macchina a distanza in modo completamente trasparente."

Oltre alla potenza necessaria per la generazione iniziale delle immagini, le potenti Quadro RTX 6000 con 48 GB di RAM partecipano anche al ridimensionamento delle immagini. “I render iniziali più definiti, leggermente upscalati, sono solo 1536 pixel di larghezza. Ma forniamo ai nostri clienti immagini fino a 17K. Quindi utilizziamo di nuovo la GPU per modelli di upscale come Real-ESRGAN. Anche in questo caso, il modello viene eseguito localmente sulla macchina, senza rischio di perdite,” si rallegra il creativo. Ha molte altre ragioni per lodare queste macchine nel cloud.

Potenza Flessibile e Senza Vincoli

A volte, una dimostrazione vale più di mille parole, come spiega Nino Le Chenadec. “Quando sono in riunione, uso l'applicazione iPadOS di ShadowPC per controllare la mia macchina a distanza. In un'ora di riunione, scriviamo prompt, esaminiamo insieme i risultati finali. Coinvolgendo il cliente in questo modo, è sempre convinto alla fine,” si vanta. Aggiunge che “sarebbe totalmente impossibile con una macchina fisica. Non riesco a immaginare di arrivare dal cliente con il mio enorme tower da 15 kg e un monitor!"

Altro vantaggio rispetto a una macchina fisica: l'assenza di manutenzione. “Sebbene sappia come assemblare un PC o cambiare un alimentatore, ogni problema evitato rappresenta un guadagno di produttività per me. Con Shadow PC, se c'è un problema di hardware, non lo noterò nemmeno,” conclude l'artista.